Continental hotel Venezia: recensione
Dove alloggiare

Continental hotel Venezia: recensione

Il Continental Hotel Venezia è un albergo a 4 stelle, sito in via Lista di Spagna 166, a circa 250 metri da Piazzale Roma, e ad un minuto a piedi dalla stazione Ferrovia.
Assolutamente perfetto per chi arriva a Venezia e non vuole dover continuare il suo trambusto di viaggio tra vaporetti e lunghe passeggiate a piedi. E una struttura molto grande, 3 piani, 120 stanze, che affaccia sul Canal grande.

Arrivati in albergo abbiamo subito potuto godere dell’atmosfera neoclassica della hall, che riscalda in un caldo abbraccio (non male data la pioggia di fuori). Terminato il check in, eseguito da personale estremamente cortese, siamo stati accompagnati da un facchino, che gentilmente si è occupato delle valigie, al primo piano, fino alla nostra stanza. Ci ho sperato dal primo momento che ho prenotato e ho avuto la fortuna di averla. Una camera con affaccio sul canal grande che permetteva di godere di una vista mozzafiato.

Il Continental hotel è un grande palazzo rettangolare, libero su tutti e quattro i lati, perciò che la camera avrebbe avuto una gran bella vista era certo. Ma solo su un lato affaccia sul canal grande. Ebbene ogni tanto un po di fortuna. Entrati in camera ci siamo trovati davanti un arredo più che confortevole. Un letto alto e morbido con trabacca in ferro battuto, 2 sedie ed un tavolo di legno. Un Comò con uno specchio tipicamente novecentesco tra le 2 stupende aperture sul canal grande. Un divano, frigo bar ed un super televisore di circa 40 pollici di cui abbiamo potuto godere tutte le volte che tornavamo la sera stanchi, prima di dormire.

Un armadio a muro con specchio completava il tutto. Il bagno aveva la doccia (unica pecca, speravo di trovare una bella vasca da bagno), e tutto era nuovo, dalla pavimentazione ad i sanitari. La pulizia della stanza impeccabile, nonostante la moquette sul pavimento.

Purtroppo però la camera con vista ha i suoi difetti. Abbiamo infatti potuto soffrire per 2 sere su 3 (l’unica volta che non si è verificato è stato il sabato sera perché non era previsto il turno di lavoro) della confusione più che molesta degli operai che scaricavano la merce destinata al ristorante dell’albergo. Alle 4 di notte venivano svegliati da urla e schiamazzi degli operatori (non era personale dell’albergo, ci tengo a precisarlo) che aggiungevano questa enorme confusione al fracasso che già accompagnava lo scarico delle merci.

La colazione iniziava alle 7 e continuava fino alle 10. La sala in cui si svolgeva è assolutamente insufficiente per tutti gli ospiti, almeno quando nell’albergo c’è un discreto numero di turisti, infatti non pochi erano costretti ad aspettare che un tavolo si liberasse per poter cominciare a godere dei piaceri che il buffet offriva. La scelta era ampia: torte di vari gusti e crostate, croissant, dolcetti vari. Toast, cereali e colazione continentale completavano il tutto. La cioccolata calda era veramente insuperabile.

Durante la bella stagione si può gustare la colazione nelle terrazze che aggettano sul canal grande, estremamente suggestive.

La nostra permanenza è stata più che positiva e consiglierei calorosamente questa struttura, nonostante la posizione, lontana dalle principali attrazioni della città, possa apparire come un neo non indifferente a chi non conosce Venezia e non ha idea del fatto che essa si percorre da un estremo all’altro (piazzale Roma – piazza san marco) in appena 35 minuti. La strada su cui si trova l’hotel è piena di negozi di souvenirs, ristorantini e pub dove potere trascorrere piacevoli serate.

 

scritto da Giovanni Magro Malosso

Rispondi